PSICOLOGIA E PSICOTERAPIA

Psicologia

La psicologia è una scienza che si occupa dei processi della mente, del comportamento e delle relazioni umane con lo scopo di promuovere il miglioramento della qualità della vita.

Le competenze e gli strumenti offerti attualmente dalla psicologia hanno applicazioni in tutti i contesti della vita quotidiana nei quali ci si occupa del benessere psicologico dell’individuo, quali:

• passaggi critici nel ciclo di vita (infanzia, adolescenza, coppia e sessualità, gravidanza, terza età),
• prevenzione e benessere (salute, stili di consumo, sicurezza, violenza, dipendenza da sostanze),
• educazione e sviluppo (scuola, disturbi dell’apprendimento, genitorialità, processi di formazione),
• disturbi cognitivi (valutazione e riabilitazione neuropsicologica in seguito a cerebrolesione acquisite (trauma cranico,ictus, emorragie cerebrali, ecc) o in caso di malattie neurologiche/degenerative (sclerosi multipla, morbo di Alzheimer, malattia di Parkinson,ecc)
• lavoro ed organizzazioni (selezione, testing e valutazione, presa di decisioni, analisi organizzativa, team building), e in numerosi altri ambiti come immigrazione, giustizia, sport, ergonomia, eventi traumatici e così via.

Qualche informazione in più

Come previsto dal Codice Deontologico, lo Psicologo lavora per migliorare la capacità delle persone di comprendere se stessi e gli altri e di comportarsi in maniera consapevole, congrua ed efficace (art.3). E’ tenuto inoltre ad accrescere le proprie conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’individuo, del gruppo e della comunità.

Di fronte all’emergere di un disagio o un malessere psicologico, compito dello psicologo è analizzare la domanda di aiuto, potendo discriminare, dopo un momento di valutazione diagnostica, la natura della problematica presentata e il tipo d’intervento eventualmente da adottare per la risoluzione della stessa.

I benefici di una consulenza psicologica, inoltre, possono riguardare la prevenzione e il miglioramento del benessere psicologico e relazionale dell’individuo, della coppia, della famiglia e di un gruppo.
A volte la ragione per cui un soggetto richiede il parere dello Psicologo è rappresentata da un momento di crisi personale legata a una situazione particolare, limitata nel tempo, come per esempio il dover prendere una decisione importante, oppure la scoperta di una malattia che ha colpito sé o un proprio caro, o ancora un momento particolarmente stressante sul lavoro o nelle relazioni sociali e così via. In questi casi lo Psicologo può proporre un percorso di sostegno psicologico che ha l’obiettivo di sostenere il soggetto nel momento critico, supportandolo nel rilanciare le proprie risorse personali, identificando le strategie più idonee alla gestione del problema attuale.

Percorsi Clinici

DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

Anoressia, bulimia, obesità: cosa succede quando il cibo occupa ogni pensiero o, al contrario, perde ogni valore?
Perchè questa fatica nel rapportarsi con il proprio corpo?
Cosa c’è alla base di questa difficoltà nello stare davanti allo specchio, nel confrontarsi con la propria immagine?

La cura mira non tanto a riabilitare la persona a un’alimentazione corretta, ma ad affrontare ciò che rappresenta il cuore dei disturbi del comportamento alimentare: il rapporto con gli altri, la domanda di essere amati e riconosciuti nella propria unicità.

DEPRESSIONE
Tristezza, disinteresse profondo per il mondo e per il futuro, desiderio di farsi del male, senso profondo di inutilità e insensatezza, sbalzi di umore, crisi di pianto, senso di colpa immotivato
Sentirsi in balìa del mondo, molto spesso, a seguito di una perdita: un lutto, la fine di una relazione d’amore, il licenziamento.

La cura, basata sulla parola, punta a recuperare il valore del legame del soggetto con il sociale, con l’amore.
Per rimettere in moto il soggetto: verso la possibilità di un futuro, fuori dalla palude del lamento per ciò che poteva essere e non è stato.

DIPENDENZE
Non riuscire più a fare a meno di qualcosa: il farmaco, la droga, il gioco, il cibo. Spesso si comincia dopo una delusione: un amore che finisce, un’amicizia che si incrina. L’oggetto, la sostanza, offre l’illusione di una consolazione.

La cura, basata sulla parola, consente di rimettere in circolo la linfa vitale del legame.
Una forza in grado di sostenere il soggetto, affinchè possa riprendere in mano la sua vita.

FENOMENI PSICOSOMATICI
Gastriti, dermatiti, artriti, alopecia, emicranie.
Una sofferenza del corpo reale, a cui la medicina spesso fatica a dare una spiegazione… “è per lo stress”, questa la diagnosi più diffusa.
Ma cosa c’è al fondo di questa sofferenza del corpo?
Cosa il soggetto (non) sa dire?
Che ne è del soggetto, delle sue aspirazioni e dei suoi desideri, preso com’è da un corpo leso che catalizza ogni pensiero?

ATTACCHI DI PANICO
All’improvviso:  senso di soffocamento, fame d’aria.
Il cuore batte all’impazzata, sembra non esserci scampo, il soggetto ha paura di morire o di impazzire.
Pronto soccorso, visite specialistiche. Esami su esami.
Spesso, dopo il primo attacco di panico, la vita non è più la stessa: il soggetto non riesce più a guidare, o a prendere i mezzi pubblici, entrare in un supermercato, lavorare, stare da solo, o tra la gente.

ANSIA
Senso di allerta, come di fronte alla minaccia continua di un pericolo imminente, batticuore, rigidità muscolare.
Alla base, la paura di non essere all’altezza delle aspettative.

La cura, dunque, può costituire un’opportunità per scoprire qualcosa di sé e dei propri desideri più autentici, per liberare il soggetto impigliato nella rete del “sono come tu mi vuoi”.

DISTURBI RELAZIONALI
Sentirsi schiacciati dal partner, percepire un senso di presunta inferiorità, non riuscire a parlare senza finire a litigare, non riuscire a innamorarsi, finire sempre con “le persone sbagliate, non riuscire a “staccarsi”, non essere in grado di tollerare l’assenza dell’altro, tradire ripetutamente.
La relazione è l’ambito di vita più importante per il soggetto. Ma anche il più complicato: il legame è necessario, ma spesso fa soffrire.

La cura consente di riflettere su ciò che del legame (o della sua impossibilità) fa problema al soggetto.
Vedere quei copioni dolorosi che il soggetto continuamente mette in atto e permettere la possibilità all’incontro, finalmente, con un nuovo legame.

DISTURBI SESSUALI
Sul lato maschile: impotenza, eiaculazione precoce.
Sul lato femminile: assenza di desiderio sessuale, anorgasmia, vaginismo.

La cura di parola offre uno spazio di riflessione intorno a queste tematiche. Per scoprire in che modo questi sintomi abbiano a che fare con la storia del soggetto, con la storia della coppia, con un orizzonte altro (quello dell’inconscio) refrattario a ogni sforzo di “educazione alla sessualità corretta”.

Prestazioni Sanitarie

  • consulto;
  • psicoterapia individuale;
  • psicoterapia di gruppo.

ResponsabileIl nostro personale qualificato

Dott.ssa Luisa Dipino

Specialista in psicologia e psicoterapia

Dott. Tiziano Zurlo

Direttore Sanitario – Medico Chirurgo Spec. Otorinolaringoiatria
Autorizzazione Sanitaria: n° 07/2007 del 28.12.2007

× Chatta con noi!